| 
  • If you are citizen of an European Union member nation, you may not use this service unless you are at least 16 years old.

  • Finally, you can manage your Google Docs, uploads, and email attachments (plus Dropbox and Slack files) in one convenient place. Claim a free account, and in less than 2 minutes, Dokkio (from the makers of PBworks) can automatically organize your content for you.

View
 

Caso 7

Page history last edited by Simona 4 years, 1 month ago

 

 

 

 

Questa bellissima idea è nata nel comune di Coredo, in Trentino Alto Adige, grazie a Giovanni Coletti.

Si chiama "Casa Sebastiano" il nuovo centro specialistico per i Disturbi dello Spettro Autistico della Fondazione Trentina per l’Autismo, che è stato aperto il 2 Aprile, lo stesso giorno della giornata mondiale della Consapevolezza dell'Autismo.

Era il 2009 quando alcuni genitori di ragazzi autistici decisero di aprire una casa per curare insieme i loro figli.

Acquistarono il terreno ma il sindaco non fece giri di parole: "Nel mio paese non voglio bambini matti".

Aveva evidentemente sottovalutato Giovanni Coletti,  padre di Martina e di Roberta, gemelle colpite dai disturbi dello spettro autistico.

Ma nonostante la strada non facile, è riuscito nel suo intento grazie all'aiuto di cento soci, una fondazione, 1.500 volontari, quattro cooperative e la generosità dei massimi scienziati di questa patologia.

L'obiettivo era sottrarre i ragazzi con spettro autistico al limbo e alla vergogna, aiutarli a reggersi finanziariamente sulle loro gambe: il palazzo vicino, trasformato in b&b, sarà la loro sfida.

Uno spazio con percorsi educativi individualizzati per rinforzare le competenze cognitive, comunicative e relazionali attraverso attività ludiche, ricreative e sportive; uno spazio residenziale di sollievo con programmi strutturati e personalizzati dove sperimentare e consolidare autonomie personali di vario genere.

Sono gli ospiti, infatti, con l’aiuto del personale, a darsi da fare: cucinano, servono a tavola, gestiscono la lavanderia e fanno le pulizie.

Grazie al Politecnico di Milano, poi, si possono dedicare al laboratorio di arredo e design.

Non ci resta che congratularci con chi ha reso possibile questo, dimostrazione di impegno e amore verso chi ha bisogno di noi.


 

 

 

Punti di vista:

 

 

 

 

 

Comments (0)

You don't have permission to comment on this page.