| 
  • If you are citizen of an European Union member nation, you may not use this service unless you are at least 16 years old.

  • Finally, you can manage your Google Docs, uploads, and email attachments (plus Dropbox and Slack files) in one convenient place. Claim a free account, and in less than 2 minutes, Dokkio (from the makers of PBworks) can automatically organize your content for you.

View
 

Tematica 4

Page history last edited by Simona 4 years ago

Formazione degli insegnanti

 

 


 

La scuola, in presenza di un soggetto con Spettro Autistico, non sempre è preparata a gestire la problematica

 

perchè non si hanno sempre le competenze e una preparazione specifica degli insegnanti.

 

I genitori combattono ogni giorno con la struttura scolastica come si legge nel caso1 e nel caso5, perchè i loro

 

figli con Spettro Autistico spesso non vengono inclusi in attività piacevoli per la poca gestione dei loro

 

comportamenti e la loro imprevedibilità.

 

Il ruolo dell'insegnante curricolare è sempre più complesso, perchè viene richiesto loro una gestione adeguata

 

dei disturbi dei bambini, senza essere però supportate e senza avere una preparazione adeguata, arrivando a

 

situazioni spiacevoli come si legge nel  caso3 e nel caso4.

 

Al contrario, gli insegnanti di sostegno sono formati con un titolo di specializzazione polivalente, che non

 

comprende però un percorso di studi specifico per il trattamento dell'Autismo.

 

Un insegnante di sostegno che si trova a dover gestire un alunno con disturbo di Spettro Autistico, senza avere

 

minimamente le competenze professionali, vive una situazione di disagio che spesso porta a meccanismi di fuga,

 

come ad esempio casi di assenteismo; purtroppo nella scuola mancano insegnanti con conoscenze adeguate al tipo

 

di disabilità.

 

Un altro fattore problematico è la totale delega all'insegnante di sostegno, allontanandosi dalla classe con la

 

conseguenza di creare emarginazione, come si nota dal caso1.

 

Spesso ci si appella alla loro buona volontà , allo studio personale o alle competenze che maturano nel tempo,

 

ma questo ovviamente non basta.

 

Inoltre devono presentare consegne chiare e semplici, anticipare i cambiamenti, insegnare le abilità

 

sociali, utilizzare strumenti di presentazione.

 

Devono fare questo e tante altre cose, in accordo con le famiglie e con i terapisti collaborando in sinergia.

 

Occorre anche che prestino molta attenzione ai suggerimenti dei genitori e dei terapisti

 

 

 

 

 

Comments (0)

You don't have permission to comment on this page.